Palestra - Preparazione al parto - Dolore cronico - FobiePalestra - Preparazione al parto - Dolore cronico - Fobie
Per essere sempre aggiornato sulle novità del sito
Streching


La Sofrologia, arte del vivere meglio

Attraverso un insieme di numerose tecniche di rilassamento e presa di coscienza, la sofrologia, ridinamizzando e rinforzando l’individuo, aiuta a liberarsi dalle tensioni, a sviluppare la fiducia in se stessi, a migliorare le capacità di concentrazione e a favorire la realizzazione dei progetti personali.

Creata nel 1960 dal Prof. A. Caycedo, neuropsichiatra colombiano, la sofrologia (dal greco sos: armonia, phren: coscienza, spirito) è un accompagnamento all’esistenza, che permette di migliorare il nostro quotidiano e al tempo stesso è una scienza che studia la coscienza umana.

Le tecniche orientali (yoga, tummo, zazen) mescolandosi ad altri approcci occidentali della terapia (ipnosi, training autogeno, tecniche respiratorie, esercizi di sviluppo personale..) permettono di ritrovare l’armonia tra il corpo e lo spirito: la chiave del nostro equilibrio.

Le applicazioni mediche della sofrologia comprendono l’ostetricia (prepa razione al parto), la gestione dello stress, delle fobie, del peso corporeo, del dolore cronico, la terapia dei disturbi psico-somatici, dei disturbi del sonno...

La sofrologia è accessibile a tutti, si pratica in sedute individuali o collettive della durata di circa un’ora. E’ consigliato tuttavia di praticarla anche a casa o a lavoro (numerosi esercizi si eseguono seduti su una sedia!). Il paziente o allievo, aquisisce progressivamente coscienza del proprio corpo e delle proprie emozioni ed una autonomia nella pratica.

La sofrologia caycediana ha un elevato grado di applicazione e sviluppo in Spagna, Svizzera, Francia e Belgio. Secondo alcune statistiche degli Organismi della Salute svizzeri, le persone che praticano regolarmente il metodo sofrologico spendono il 30% in meno per curarsi rispetto al resto della popolazione.
L’efficacia e la rapidità d’azione della sofrologia sembrerebbe risiedere nell’accesso all’anima sensibile, sito dell’inconscio e all’influenza esercitata su quest’ultimo.